Quante volte l’hai detto o pensato?

La tua vita meriterebbe un libro. Forse è stata molto avventurosa. Forse è stata particolarmente dolorosa. Forse è stata attraversata da un amore fantastico.

Forse hai accumulato una lunga serie di aneddoti curiosi, di esperienze singolari. Forse sembra una di quelle vite da grande schermo, no?

La Storia non è fatta solo di (e da) personaggi celebri. La Storia è scritta dalle idee, dalle azioni, dalle vicende di una moltitudine di vite che rischiano di restare perfettamente sconosciute. E poi il punto non è diventare popolari…ma raccontare. Raccontare significa consegnare, non morire.

In tutta sincerità chiarisco a chi mi contatta perché crede che la sua vita meriterebbe un libro che le autobiografie non sono sempre interessanti per un vasto pubblico di lettori. La formula sicuramente migliore da percorrere è quella del romanzo: romanzo autobiografico o autobiografia romanzata che dir si voglia.

Del resto proprio la narrazione della realtà trovo il suo senso e il suo fascino nelle emozioni. Le sofferenze, le gioie, le conquiste, i fallimenti, le insicurezze, le ansie, i sentimenti, sono il vero fulcro di ogni singolo episodio e momento della nostra esistenza. Una sfilza di date, fatti e luoghi senza anima non arrivano al lettore. Tutto quello che cerchiamo in un libro è evasione, sogno, divertimento, commozione, trasporto. Vogliamo immedesimarci o fantasticare.

E poi c’è un piccolo prezioso aspetto che è lo stile.

Talvolta ci innamoriamo di una storia per come è scritta no?

Ma ancora non basta. C’è una specie di formula magica. La sapiente relazione tra la trama, il linguaggio, il taglio che diamo al libro.

La tua vita meriterebbe un libro? Il mio lavoro è dare a questa idea le armi per sedurre!

Sì, chi si appresta alla lettura ha voglia di essere sedotto…

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *