Non mi pesa, l’ombra. Non mi pesa il mio ruolo di fantasma.

Perché più forte di tutto è il privilegio, il mio privilegio di ghostwriter: vivere tante vite, tantissime. Scrivendo i romanzi, i saggi, i racconti, le autobiografie altrui, conosco mondi ed emozioni senza fine. Faccio sogni sempre diversi, provo avventure e pensieri che superano le mie avventure e i miei pensieri. Entro ed esco da dimensioni incantate, da amori e dolori. Mi metto continuamente in gioco e in discussione. Scopro, piango, rido. E imparo.

Imparo una quantità di cose quasi incredibile! Mi misuro con sentimenti e situazioni che la mia fantasia non avrebbe mai potuto partorire.

Sono grata a tutti i miei autori. Ad ognuno di loro devo un pezzo di strada…anzi, devo una vita. Cammino sui loro passi, respiro i loro desideri, incontro la loro cultura, abbraccio la loro ricchezza.

Non mi stanco, non sono mai sazia.

Ai miei giorni, al mio bagaglio, alla mia identità, ognuno di loro regala generosamente linfa.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *