Content is king!

L’imperativo ormai non è solo noto, è anche abusato ma purtroppo spesso mal interpretato.

I contenuti sono essenziali. Questo è un assunto fortunatamente indiscutibile. Evviva, comunicazione e marketing non sono solo punti e strumenti nevralgici, sono il cuore fondamentale del business e del personal branding e quindi -pensiamoci bene- orientano e caratterizzano aziende e persone ovvero lavoro e vita.

Non sono così convinta sia un principio assodato ma ora faccio un passo avanti.

I tanto nominati contenuti di qualità sono sufficienti? No.

Negli ultimi anni il web, il flusso di messaggi, le nuove formule di attrazione, penetrazione e diffusione, hanno messo in crisi anche i migliori produttori di contenuti. Il livello di competizione è alto e non sono si gioca unicamente sulla bontà dei contenuti ma anche sulla strategia con la quale sono veicolati.

Il problema, in termini semplici, è:

facciamo una comunicazione che raggiunge il pubblico che ci interessa?

Se riavvolgo un momento il nastro e torno al diktat iniziale è facile spiegare che posso essere il miglior imprenditore o il miglior professionista del mondo ma se i miei prodotti, la mia competenza, i miei servizi non sono noti e non catturano l’attenzione dei potenziali clienti, la mia resta una bravura vana e ingloriosa.

Il gradino successivo diventa intuitivo: devo avere buoni contenuti e devo farli arrivare al mio target.

Cosa significa?

È giusto dire che significa scegliere i canali giusti e i mezzi giusti. Parliamo di siti e blog, di social media, di soluzioni cartacee o on line, di e mail marketing o qualsiasi altra via conosciamo o vogliamo sperimentare. Parliamo di testi, immagini, video e mix ben studiati.

Ma basta? No.

La vera magia la fa sempre una strategia vincente. Cosa vuol dire?

Vuol dire smettere di ragionare per schemi e capire che il ‘gioco’ dell’immagine, dell’efficacia, dell’autorevolezza, dell’appeal è un puzzle e funziona ad incastro. Bisogna calibrare e azzeccare ogni mossa, giorno per giorno. Lo ripeto: giorno per giorno. Niente è per sempre se non riusciamo a evolvere con il tempo.

Siamo quello che comunichiamo di essere? Attenzione, anche questo rischia di diventare un tormentone compreso in modo distorto. Dobbiamo saper comunicare ciò che siamo, trasmettere il nostro valore e valorizzare la nostra unicità. Viceversa non dobbiamo credere che ci serva comunicarci leoni se siamo pecore!

Una strategia vincente mescola tutti gli ingredienti sapientemente, come in cucina. Imperfezioni incluse. Punti di forza e punti di debolezza non si escludono l’un altro, possono invece essere trasformati in elementi distintivi.

Content is king! Ecco, un eccellente contenuto in una eccellente strategia che confeziona un eccellente invito al pubblico…

Vivo di piani da pensare ed elaborare, lavoro su contenuti testuali, mi confronto con contenuti fotografici e video, ragioni di interazioni, navigo nella trasversalità, tengo sempre ben presente la verità. Quindi sostengo, con forza, che scoprire la strategia dei contenuti non è solo un viaggio appassionante, è l’unico modo per fare sempre la differenza.

Ricordo che comunicAzione presuppone un potente processo attivo: evoca pensiero, emozione, movimento da/a, relazione!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *