Caro imprenditore,

chi mi legge sa che ogni tanto mi parte il benigno embolo epistolare, se ancora non lo sai leggi sereno.

In questi mesi abbiamo sentito e usato l’espressione SMART WORKING un numero incalcolabile di volte, a proposito o a sproposito. Per alcuni è stato né più né meno che HOME WORKING.

In sostanza far lavorare a casa o in azienda è una differenza rilevante?

Oh, per alcuni versi certamente lo è ma dobbiamo valutare se lo è per gli aspetti relativi alla “sostanza” e all’efficacia dell’attività, giusto?

Io comunque in questa analisi non mi avventuro, non ho fatto ricerca dati e quindi non sarei attendibile.

Voglio invece riflettere sull’approccio mentale all’organizzazione lavorativa 2020-2021. I tempi di pandemia dovevano farci scoprire che ci sono modalità alternative per espletare correttamente le stesse funzioni, che ci sono moltissime pratiche che si possono brillantemente sbrigare ovunque, che abbiamo potenti strumenti che normalmente sottoutilizziamo, che fuori dagli schemi ci sono mondi da scoprire e valorizzare che gli schemi opprimono, limitano, offuscano.

💥SMART cosa significa? Smart working è il lavoro “intelligente”, no? Insomma il lavoro pianificato e sostenuto con la necessaria e adeguata autonomia, mettendo a frutto capacità e creatività, con una buona dose del mitico spirito di problem solving. Io, da professionista, vivo di smart working, tutto il giorno, ogni giorno.

Qualcuno invece ha giustamente bisogno di farci l’abitudine, forse.

E adesso?

Adesso leggo ancora ricerche di copy(writer) o social media manager <in azienda>. Già, da remoto soltanto fino a quando perdura l’emergenza, poi in presenza.

Perché? Ufficialmente per essere organici alla struttura, per viverne le atmosfere, per coglierne la filosofia, per interpretarne il tone of voice, per confrontarsi con tutto il team. Ma è davvero così?

▶️Sei sicuro, caro imprenditore, serva davvero un full time che dopo un tot, sistematicamente, finisce in the box? Sei sicuro non sia proprio utile invece un professionista out of the box?

Io da copywriter e social media manager mi preoccupo come te dei risultati, devo puntare agli obiettivi e sicuramente mi impegno a conoscere te e la tua azienda senza con ciò fare presenza fissa nei tuoi uffici. E sai che c’è? C’è che più settori tocco, più persone incontro, più esperienze vivo, più allargo i miei orizzonti e quindi quelli che darò alla tua comunicazione!

💡Io credo che SMART sia una parola illuminante e illuminata.

Non sprecarla e non sprecare l’occasione. Almeno sul fronte del web, dei social media, dei blog, della comunicazione aziendale, tienila stretta.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *