Ci salveremo. Ci salveremo nella misura in cui salveremo l’arte, la cultura, l’umana sensibilità. Ci salveremo se riusciremo a guardare il mondo con il cuore negli occhi. Ci salveremo se daremo al presente il senso del passato e del futuro. C’è qualcosa di grande, nei visionari? C’è la passione dei sogni e delle idee che non si fermano, che leggono la realtà, che rispettano e amano il profumo della vita,

A Natale quest’anno più che mai abbiamo bisogno di una gioia, di un’emozione, di una speranza, di un momento di entusiasmo travolgente. A Natale quest’anno regala UN’EMOZIONE. Cosa puoi far trovare sotto l’albero a una persona che ami, che stimi, cui sei riconoscente, che ti piace? Un dono speciale. Un DONO ESCLUSIVO. Pensato da te e REALIZZATO SU MISURA. Magnifico, vero? Può essere una grande occasione. Magari per ringraziare di

Come si fa a non amarlo? Gianni Morandi non è soltanto un grande rappresentante della canzone italiana, è una parte di noi. Uno di noi, molti dicono. La faccia buona dell’italianità. L’uomo che sorride, l’uomo che esprime sentimenti, l’uomo di antica educazione, l’uomo della misura, l’uomo che non si ferma. Gianni Morandi è trasversale al tempo e alle generazioni, sempre in pista ma mai fuori dalle righe. L’uomo caloroso, aperto,

“Non farti ingannare dall’età” è il primo libro di Antonella Mollia. È uscito oggi, giorno del suo compleanno e del compleanno del Mollia Style, il suo blog di lifestyle. E, in verità, anche del mio compleanno…Dettaglio curioso e significativo, visto che sono addetta alla comunicazione e ai social Mollia Style. Insomma una data speciale, quella del 19 ottobre. 19 ottobre di qualsiasi anno (anche se io dichiaro allegramente i miei

Personal branding e responsabile comunicazione e social media del lifestyle blog Mollia Style. Insomma una full immersion nel mondo over 50, nel Ben-Essere del glamour cuore e cervello, nello Stile (di forma e pensiero!). Il Mollia Style è il blog di Antonella Mollia, 57 primavere estremamente cool. Un contenitore di motivazioni e riflessioni, di speciali navigazioni nel look, di piccoli e grandi racconti di viaggi e vita. Appassionatamente. Così firma

Ebbene sì, era un freddo gennaio milanese e io mi sono rintanata al calduccio proprio nella tana di DEAL WITH IT. DEAL WITH IT Vittima di Francesco Costa, my heart, e sotto la regia di Gabriele Corsi e Frank Matano, ho vissuto un’esilarante avventura. Quella di un programma magnifico, pensato e studiato per mettere alla prova spirito, relazioni, capacità di improvvisazione e gestione delle sorprese. Bello, nella sua autentica effervescenza

Ebbene sì, librerie semi-chiuse (o semi-aperte) ma tanti lettori inchiodati a casa a causa del Covid-19 per i quali i libri sono stati una grande compagnia, hanno consacrato un successo. Quello di un libro, del suo autore e…della sua ghostwriter! La gioia è grandissima. Non soffro affatto, nell’ombra che non mi consegna alla copertina. Godo dell’emozione altrui e sono felice di aver assolto bene un incarico. Missione compiuta! La creatura

Per nostra somma fortuna, I LIBRI SONO IMMORTALI. Non è morto, Luis Sepúlveda. È da qualche parte a riposare, come ogni guerriero dopo tante battaglie, come ogni narratore dopo l’ultima fatica. Credo di aver letto tutti i suoi libri, credo di averne amato ogni storia. Con quel talento della leggerezza e della malinconia così profonde da sviscerare tutto, proprio tutto, Sepúlveda ha raccontato, denunciato, riflettuto, abbracciato. Le sue pagine mi

Per il secondo anno Pierangelo Bertolo mi ha invitato come membro della Giuria del Memorial d’arte Tiziano Bertolo. Sempre un piacere e un onore. Un’esperienza intensa, bella, importante. Un viaggio nell’arte è sempre un’avventura di pensieri, emozioni, meraviglie. Ho ritrovato molti artisti e ne ho conosciuti di nuovi. Le sezioni -pittura, fotografia, scultura, grafica- riservano opere sorprendenti, percorsi umani e professionali affascinanti, momenti di vero stupore e ammirazione. Una grande

Con quella faccia un po’così Quell’espressione un po’così Che abbiamo noi che abbiamo visto Genova… Ecco, Paolo Conte è un mito. E io quella faccia un po’ così, quell’espressione un po’ così…ce l’ho! Non solo quando vedo Genova e il mare. Anche quando sono assorta, nell’incanto di un pensiero. Lei, Valeria Mottaran fotografa, ha colto in pieno lo sguardo che, in effetti, pare vagamente in preda a qualche allucinazione ma,