Esistiamo, iscritti in un’anagrafe segreta: siamo i ghostwriter d’Italia.

🖋Insomma scrittori fantasma, scrittori ombra, tastiere al servizio di autori, aziende, artisti, professionisti.

Scriviamo libri (dai racconti ai romanzi ai saggi narrativi passando per i manuali), testi per siti internet, post per blog, lettere, relazioni, testi per i social, copy.

Prestiamo il nostro servizio senza firmarci, senza figurare, senza guadagnare la gloria delle librerie o della ribalta.

🎯Siamo dei professionisti della scrittura. Spesso creativi della comunicazione, content e copywriting, articolisti, storyteller. In realtà insomma siamo lavoratori in carne, ossa e spirito e non viviamo avvolti nel mistero di qualche trama inquietante, però stiamo dietro le quinte.

Forse non siamo tanti e famosi come i colleghi esteri, dove il ghostwriting è pratica più comune e diffusa, ma siamo comunque molto utili a chiunque abbia idee ma poco tempo o poca dimestichezza per cimentarsi con la narrazione.

C’è chi ha una storia da raccontare, chi ha bisogno di stendere una relazione perfetta, chi vuole testi efficaci e persuasivi per le pagine web, chi ha una attività che merita di essere presentata con parole accattivanti. Diciamo che ognuno ha una creatura che può affidare a chi sa prendersene cura. Non basta saper scrivere, ci vogliono dedizione, sensibilità, attenzione, curiosità, empatia.

I ghostwriter made in Italy sono figure insolite? Probabilmente sì, visto che fatico ancora molte volte a spiegare esattamente qual è la mia occupazione. Devo però dire che godiamo poi anche di straordinario fascino!

Scriviamo. Scriviamo per conto di qualcuno, che sia un personaggio famoso oppure una persona che ha un sogno, qualche avventura, una missione, un obiettivo o qualche motivazione nel cassetto.

C’è un aspetto con il quale faccio pace a fatica. È quello per cui alcuni si sentono delusi e traditi dalla scoperta che il loro beniamino (artista, autore, opinionista, coach, eccetera) possa avere un ghostwriter. Perché è così difficile accettare qualcosa che non è né immorale né assurdo? Non c’è minor bravura, in quel nome, se si avvale di un professionista. Anzi, se mai c’è la sana e saggia onestà dell’umiltà o semplicemente il piacere di voler offrire un risultato migliore al proprio pubblico.

T u t t o  q u i. Tutto regolare, tutto lineare.

Un ottimo professionista può non essere altrettanto capace come scrittore.

Un eccellente attore può non avere sufficienti momenti liberi per gestire un blog o i social.

Che male c’è ad affidarsi a uno dei prodi ghostwriter d’Italia? Siamo persone appassionate, che sanno calarsi nei panni del loro committente, che hanno affinato le virtù del linguaggio, dello stile, del tono, del ritmo. E siamo persone che prestano rispetto ai Clienti e ai loro Clienti!

❤️Io sono fiera e felice di essere una ghostwriter made in Italy. Anche se i miei compensi sono tanto lontani da quelli che circolano in altri Paesi, anche se il mio nome non finisce in copertina, anche se capita che il successo delle parole io debba festeggiarlo da sola, di nascosto.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *