Ero una ragazzina quando, davanti a un appuntamento al quale sarei mancata, mi è stato detto: «ciò che è rinviato, non è perso.»

Oggi giurerei che quell’anziano parente lo disse soltanto per confortarmi ma la vita mi ha insegnato che non è così, che CIO’ CHE RIMANDIAMO PUO’ ESSERE PERSO PER SEMPRE.

Domani potremmo non esserci. E se anche ci fossimo potremmo non essere più in condizioni di vivere ciò che abbiamo rinviato. E se anche fossimo nelle condizioni di farlo, ciò che desideriamo potrebbe essere evaporato.

Non è la massima potenza della sfiga di Murphy. È la regola naturale del TEMPO UMANO, quello che in fondo respira solo nel presente.

Allora il TEMPO del SUCCESSO è uno solo: ADESSO.

I sostenitori della pianificazione non me ne vogliano. Non la demolisco affatto. Sono ben ferrata in strategie e lungimiranza e la comunicazione, d’altra parte, è fatta di contenuti studiati e divulgati perché giorno dopo giorno portino frutti.

Quello che non può che essere adesso è l’idea, del tempo. L’approccio, al tempo. L’investimento, nel tempo.

E quando il tempo è duro come questo inverno di pandemia e incertezza, ADESSO significa fare il possibile fino in fondo. Anzi, qualcosa in più. ADESSO è il tempo che ci misura. Sì, non siamo noi che guardiamo l’orologio, è l’orologio che aspetta le nostre azioni. Si chiama inventiva? Si chiama coraggio? Si chiama intraprendenza?

Innanzi tutto si chiama OTTIMISMO OPERATIVO.

Davvero, in questo ADESSO -paradossalmente ma non troppo- non possiamo che essere fiduciosi. È una necessità e non ha alternative che soccombere.

La bottega che getta la spugna e trascura i social, l’azienda che si chiude a riccio su se stessa e smette di relazionarsi con il mondo, il professionista che frena tutti i progetti, non sbagliano adesso, sbagliano per sempre.

Ovviamente ADESSO è il tempo del “lavoro”, il tempo di pensare, il tempo di tenere il motore acceso. Il TEMPO per una COMUNICAZIONE INCISIVA. Come la chiamiamo: emotiva? Oppure di vicinanza? Io direi che si tratta di una serena operazione di marketing, umana come il tempo!

Parliamo spesso di lotta, in questo periodo. Di lotta e di resistenza. La verità è che non c’è lotta e non c’è resistenza se non facciamo scelte, se non usiamo la nostra voce, se non difendiamo la nostra identità.

E poi bisognerebbe capire. Capire che magari dobbiamo anche trasformarla, adeguarla, svilupparla, questa benedetta identità.

Possiamo definirla anima, personalità, brand. Quello che conta è CREDERCI, ADESSO.

La rassegnazione, i remi in barca, la titubanza, le tiepidezze, si pagano caro.

Se ci sei devi battere un colpo forte e chiaro, online e offline! Scrivi un libro, cura un blog, gestisci la tua pagina facebook, carica il tuo canale youtube, manda lettere d’amore. Come è meglio per il tuo business, per il tuo sogno, per la tua arte, però fallo adesso.

  • Rispondi

    sara

    16 11 2020

    Qui ed ora! Per focalizzarsi su un obiettivo, anche nel lungo periodo, è necessario iniziare oggi.

    • Rispondi

      Irene Spagnuolo

      22 11 2020

      Cara Sara, concordo pienamente…e tu mi sembri fortemente motivata!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *